top of page

Il potere terapeutico dell'aglio

L'aglio da sempre usato in cucina per insaporire le pietanze e per esaltare i sapori non deve essere considerato un semplice aroma ma un miscuglio di elementi a scopo terapeutico.


Le verdure del genere Allium sono tra le erbe più interessanti nel limitare i tumori come aglio, cipolle, porri, erba cipollina e scalogno. Vista la presenza nella loro composizione di molti composti organici derivati dallo zolfo come: S-allil mercaptocisteina, quercetina, flavonoidi e ajoene in grado di interferire con i processi di divisione cellulari bloccandoli o inducendo la cellula tumorale a morte cellulare programmata (apoptosi).


Oltre alle proprietà antitumorali dell'aglio vanno ricordate le sue innumerevoli proprietà antibatteriche contro Gram-negativi e Gram-positivi comprese le specie di Escherichia, Salmonella, Staphylococcus, Streptococcus, Klebsiella, Proteus, Bacillus e Clostridium che spesso sono causa di malesseri importanti per la salute.


Gli estratti di aglio sono efficaci anche contro l'Helicobacter pylori, causa delle ulcere gastriche, contro le micosi e una tra tutte è la Candida Albicans e i parassiti intestinali come la Giardia lamblia.



Consigli in cucina:

Nonostante le innumerevoli proprietà dell'aglio spesso non viene usato a causa della difficoltà di digerirlo e per evitare questo inconveniente possono essere adottate delle accortezze in cucina come:


  • togliere l'anima dell'aglio prima della cottura effettuando un taglio al centro dello spicchio e tirare il filamento coriaceo da entrambi i lati con la punta del coltello;


  • mettere a bagno l'aglio in una tazza di latte caldo per una ventina di minuti;


  • usare l'aglio in camicia per insaporire ed eliminarlo prima di servire la pietanza;


  • usare l'aglio crudo, sembra strano ma mangiare l'aglio crudo rende questo alimento più digeribile rispetto a quando viene consumato cotto.



Se questo contenuto ti è piaciuto condividilo



Comments


bottom of page